Route 66: viaggi organizzati e tour in pullman o pulmino on the road

Percorrere la leggendaria Route 66 prenotando dei viaggi organizzati o partecipando a dei tour in pullman o in pulmino significa provare dal vivo l’esperienza del più famoso viaggio the road! La cosiddetta Strada Madre rappresenta l’itinerario da imboccare in direzione della Libertà, un percorso da intraprendere per dare un nuovo significato alla parola “scoperta” e una scelta da fare per sperimentare delle emozioni nuove, vivide e sorprendenti. In altre parole, questa striscia di asfalto che si snoda per ben 3.945 Km. all’interno degli Stati Uniti è un invito che prima o poi deve essere raccolto da ogni viaggiatore che si rispetti.

 

 

Un viaggio on the road sulla Route 66

La storica United States Route 66 ha il suo punto di partenza nella città di Chicago, all’intersezione tra la Michigan Avenue e l’Adams Avenue.

Nella metropoli dell’Illinois i riferimenti all’inizio di questo mitico percorso stradale statunitense sono pressoché infiniti e non c’è ristorante, pub, locale o struttura turistica che non offra una cartina geografica della Mother Road.

Sulle mappe in questione ovviamente viene riportato il tracciato che interessa otto Stati degli USA, ma vengono indicati anche siti suggestivi e luoghi di interesse che è possibile trovare lungo il suo itinerario.

Per quanto riguarda la sua estensione, la Route 66 inizia quindi in Illinois e poi diventa la concreta realizzazione di un viaggio nell’Ovest USA attraverso stati quali Missouri, Kansas, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California.

Dopo un percorso di quasi 4.000 Km., attraverso caratteristiche cittadine e meravigliosi scenari degli Stati Uniti, la strada ha la sua fine presso il cartello indicante “End of the trail” al Molo di Santa Monica.

 

Città principali sulla Strada Madre

Viaggiare lungo la Route 66 offre la possibilità di attraversare incantevoli contesti naturalistici, ma anche di conoscere tante belle città americane.

A seguire mettiamo in elenco le città principali che possono diventare delle tappe ideali per dei viaggi organizzati o dei tour on the road sulla Route 66:

  • Chicago, Illinois
  • Springfield, Illinois
  • St. Louis, Missouri
  • Springfield, Missouri
  • Tulsa, Oklahoma
  • Oklahoma City, Oklahoma
  • Amarillo, Texas
  • Tucumcari, Nuovo Messico
  • Santa Fe, Nuovo Messico
  • Albuquerque, Nuovo Messico
  • Flagstaff, Arizona
  • Kingman, Arizona
  • Barstow, California
  • Santa Monica, California

Centri minori: Joplin, Gallup, Holbrook, Oatman, Winona, Needles, San Bernardino.

Come si può vedere dalla lista stilata sopra, la percorrenza della Route 66 offre la possibilità di visitare ben 2 Springfield e di fermarsi ad Albuquerque dove potrebbe essere interessante fare una sosta per andare alla scoperta dei set della famosa serie tv “Breaking Bad”.

Molto particolare anche il piccolo centro di Tucumcari, citato nel film western “Per un pugno di dollari” di Sergio Leone e sede del New Mexico Route 66 Museum. In questa sede museale è possibile ammirare tanti oggetti che hanno contribuito ad alimentare il mito della Grande Via Diagonale (altro soprannome ideato per il percorso).

Altri centri di grande interesse sono poi l’artistica Santa Fe, la graziosa Flagstaff, e quella St. Louis che di fatto è una delle capitali statunitensi della musica Jazz. Per il resto, le città di Chicago e Santa Monica è sottinteso che meritino una visita.

Tour organizzati in pullman o in pulmino

Organizzare un pullman o un pulmino per fare un tour negli Stati Uniti Occidentali permette di effettuare delle interessanti variazioni al percorso canonico descritto sopra.

Innanzitutto, un itinerario alternativo potrebbe prevedere una visita al Grand Canyon, una sosta nell’amena località di Seligman e una ripartenza in direzione dell’Antelope Canyon e del Monument Valley.

Per chi ama le grandi metropoli, fare delle opportune deviazioni al classico tragitto della Mother Road potrebbe offrire la possibilità di visitare le iconiche città di Los Angeles, Las Vegas e San Francisco.

Per chi ama i contesti naturali e paesaggistici, un un tour in van sulla Route 66 potrebbe permettere di scoprire alcuni tra i più famosi parchi degli Stati Uniti quali il Bryce Canyon, il Parco Nazionale di Zion e la suggestiva Death Valley.

 

Domande frequenti e curiosità

Perché è chiamata anche la Strada Madre? Con tale nome viene chiamata da John Steinbeck nel famoso libro “The Grapes of Wrath” (Furore).

Con quali altri nomi è conosciuta? Main Road of America e la Grande Via Diagonale.

È vero che sul suo percorso sono nati il primo drive in e il primo fast food? Sì. Si tratta rispettivamente del Red Giant Hamburgs a Springfield (Missouri) e del McDonald’s a San Bernardino (California).

È la strada più lunga degli Stati Uniti? No. La più lunga highway statunitense è l’Interstate 90 (I-90) che ha una lunghezza di 4.990,78 km.

Canzoni da ascoltare lungo la Route 66

Un viaggio lungo la strada del mito deve essere necessariamente accompagnato da una colonna sonora adeguata, da un mix di brani da diffondere nell’auto, camper, pullman o pulmino che sia.

Alcuni dei pezzi che figurano in questa playlist sono dei pezzi espressamente dedicati a questo leggendario percorso statunitense, altri sono motivi classici per i viaggi on the road, mentre altri ancora sono dei brani storici del panorama musicale a stelle e strisce.

A seguire, quindi, un’ideale compilation di canzoni da ascoltare lungo la Route 66:

“A horse with no name” – America
“The Passenger” – Iggy Pop
“Breakfast in America” – Supertramp
“Road to Nowhere” – Talking Heads
“Drive” – The Cars
“California Dreamin'” – Mamas & Papas
“Venus” – Shocking Blue
“Driving away from home” – It’s Immaterial
“Route 66” – The Rolling Stones
“Wouldn’t it be nice” – The Beach Boys
“Dancing in the Dark” – Bruce Springsteen
“Dust in the wind” – Kansas
“Take me home, country roads”- John Denver
“I’m shipping up to Boston” – Dropkick Murphys
“More than this” – Roxy Music
“Have you ever seen the rain” – Creedence Clearwater Revival
“Heart of glass” – Blondie
“Take the long way home” – Supertramp
“House of the rising sun” – The Animals
“Street Life” – Randy Crawford
“Everybody’s talkin'” – Harry Nilsson
“I’m Gonna Be (500 Miles)” – The Proclaimers
“Get Lucky” – Daft Punk
“Smooth Operator” – Sade
“Going to California” – Led Zeppelin



Può interessarti anche: